figlili

Just another WordPress.com weblog

La Barbie compie mezzo secolo ma le bimbe non la sognano più

Da un sondaggio di Meta Comunicazione condotto a Natale su duecento genitori italiani di bambini fra i cinque e i dodici anni risulta che solo il 18 per cento di loro si sono sentiti chiedere dai loro figli giocattoli di tipo tradizionale: la stragrande maggioranza vuole computer, playstation, giochi elettronici.
Il 9 marzo 1959 alla Fiera del Giocattolo di New York fa il suo ingresso una nuova bambola sconcertante e rivoluzionaria: invece di essere una bambina ha il corpo, il viso, il seno, l'eye-liner e i tacchi alti di una giovane donna.
C'è un ritorno a una divisione netta dei ruoli: basta entrare in un grande magazzino e vedere come sono separati e diversi fra loro i reparti per i maschi e quelli riservati alle femmine, in cui tutto è rosa, tutto è stucchevole, tutto è carico di lustrini, e l'unica aspirazione che viene incoraggiata è quella a diventare principessa".
"Le Bratz sono agghiaccianti, ciniche, ammiccanti, disponibili e 'squinzie' quanto Barbie era ed è invece una signora - osserva Chiara Rapaccini, scrittrice e disegnatrice ed esperta del mondo dell'infanzia - Somigliano alle college girls di Tokyo e sono sempre più spesso in mano a bambine che a nove anni già sognano di fare le veline e a dieci rischiano di diventare anoressiche".

Fonte: http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/cronaca/barbie-laurenzi/barbie-laurenzi/barbie-laurenzi.html

January 16, 2009 - Posted by | Uncategorized |

No comments yet.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: